Perché ci trattate male? (video power)

Questo videomessaggio mi pare un’idea molto carina e al passo coi tempi per far sentire la propria voce.

Si tratta di una protesta, nata dalla mente di un gruppo di performers che hanno suonato con Beatles, Rolling Stones, Madonna… Hanno girato agli Abbey Road Studios e mandato a Gordon Brown, primo ministro del Regno Unito, un video in cui chiedono il riconoscimento dei diritti che tutelano anche gli autori dei brani a cui hanno dato il loro apporto. E a quanto pare probabilmente riusciranno a ottenere un’estensione della durata del copyright. Potere delle video-proteste e della Rete.

(segnalazione di bioetola)

Upsidedown (ed è solo lunedì…)

La giornata si è aperta con due notizie sconcertanti:
– Il sabato sera resta territorio inviolabile di Maria De Filippi. C’e’ Posta per Te su Canale 5 ha vinto nettamente la prima serata televisiva con 6.372.000 telespettatori e il 31,07% di share.
– Primavera in anticipo, il nuovo CD di Laura Pausini uscito il 14 novembre scorso, fa il suo ingresso direttamente al primo posto della classifica Fimi/Nielsen dei dischi più venduti della settimana.

Per fortuna però in serata è saltato fuori un appuntamento carino. Vi segnalo una mostra, a metà tra arte e musica. Ricordate le CocoRosie? Una galleria milanese ospiterà la prima personale di Bianca Casady, una delle due componenti (sorelle peraltro).



Mercoledì prossimo (26 novembre), alle 18.30 ci sarà l’inaugurazione, a cui sarà presente la stessa Bianca.

Bianca Casady, La Combat Spiritual
Galleria Patricia Armocida, via Bazzini 17, Milano
26 Novembre 2008 – 24 Gennaio 2009
Dal martedì al sabato, 11.30-13.00 / 15.30-19.00
Ingresso libero.

Appendi il vinile al chiodo…

Non sapete che regalo farmi a Natale? Eccovi un ottimo suggerimento!
Quest’idea ci voleva proprio. Ora finalmente potrò incorniciare i miei vinili. E fin qui, direte voi, che c’è di nuovo? Il fatto è che hanno messo in vendita queste cornici comodissime, fatte apposta per poter rapidamente prelevare disco e cover in qualsiasi momento. Nonché cambiarli, quando si è stufi del “panorama”. Il guaio è che ora io LE VOGLIO!!! FORTISSIMAMENTE VOGLIO!!! Già m’immagino certi gioiellini messi in bella mostra sulle pareti di casa…

Qualche info utile:
Si chiamano Play & Display Flip Frame.
Sono disponibili nei colori bianco o nero.
Una viene £29.99. Il pacco da tre invece costa £69.99.

Ah, dimenticavo, se dovete scegliere, il nero è il mio colore preferito!

In ginocchio sui ceci!!!

La tv in casa mia è diventata invisibile. Da un paio d’anni ormai la uso soltanto per guardare dvd. Ieri sera però ero dai miei e, durante uno zapping del babbo, sono incappata nell’intervista di Linus a Franco Battiato (video 1video 2). Me la sono guardata tutta, pensando che oggi avrei scritto di Fleurs 2 nel blog. Poi stamane Stereogram mi ha preceduto con questo e il post che avevo in mente ha preso tutta un’altra piega.

Ho subito pensato al Canone di Pachelbel. A quante volte è stato usato in film, pubblicità e trasmissioni tv. Per non parlare di matrimoni, funerali, etc etc. Eppure, non ci sono santi!, mi dà i brividi ogni volta. La cura di Battiato è così: musica emozionale, immediata, che arriva a tutti. E non sempre questo è male (anche se fa più figo sostenere il contrario). I paroloni da secchione, chiamiamoli così, ci sono. Non sarebbe Franco se non ci fossero. La lingua italiana è talmente variegata, diamine! Mi rifiuto di pensare che l’unico vocabolario musicale possibile sia quello di un Gigi D’Alessio. Eppure, sfoggi di erudizione a parte, il brano si chiude con una frase, semplice, alla portata di tutti, ma bellissima. "Ti salverò da ogni malinconia. Perché sei un essere speciale ed io avrò cura di te. Io sì che avrò cura di te." Non ha nemmeno usato le parole "sole", "cuore" e "amore". Almeno di questo bisogna dargli atto!

Colas, Leonardo, … sapete che facciamo? Ora faccio partire la canzone e voi, da bravi, TUTTI IN GINOCCHIO SUI CECI!!!

Fleurs 2 comunque è un buon disco. Personale ed emozionante. Quando decide di fare cover, Franco fa sempre scelte singolari. Poi mica è colpa sua se gli altri invece hanno poca fantasia e scelgono tutti La cura.

Io, intanto, mi pupazzo coi Deerhunter

Arrivano da Atlanta, sono in cinque e rispondono al nome di Deerhunter. Mischiano suoni garage, rock, indie-pop, e shoegaze. Quest’estate, tanto per gradire, si sono fatti un tour al seguito dei Nine Inch Nails.

Pitchfork ha già dato al loro nuovo album (Mirocastle) un bel 9.2. Per quanto mi riguarda stanno diventando schifosamente buoni. Io però, a scanso di equivoci, intanto "mi pupazzo" con Little Kids (quella del video qui sotto). Una cantilena psichedelica niente male. Il ritornello mi è già entrato in testa.

"… to get older still
to get older still
to get older still
to get older still…"

A dreaded sunny day (cemetry gates)

Al di là del fatto che The Queen is Dead è davvero un gran disco, io di Morrissey e compagni ho sempre adorato quel sarcasmo misto a cinismo, che ha sempre caratterizzato i loro testi. In Cemetry Gates tirano in ballo anche Keats, Yeats e Wilde.

Ho riascoltato l’album in auto, poco fa, mentre rientravo a Milano. Se non lo conoscete, rimediate subito! Un disco da comprare a scatola chiusa. Come dicono quelli di Satisfiction? Soddisfatti o rimborsati. Eventuali lamentele potete indirizzarle alla sottoscritta.

… you say : "Ere thrice the sun done salutation to the dawn"
And you claim these words as your own
But I’ve read well, and I’ve heard them said
A hundred times (maybe less, maybe more)
If you must write prose, poems
The words you use should be your own
Don’t plagiarise or take "on loan"
‘Cause there’s always someone, somewhere
With a big nose, who knows
And who trips you up and laughs
When you fall…

LOVLOU #3 (la cassettina)

Lui voleva una delle mie cassettine, ma scopro solo ora che hanno chiuso Muxtape.

Ecco dunque una compilation alternativa:

LOVLOU #3

1) He Doesn’t Know Why (Fleet Foxes)

2) Nantes (Beirut)

3) Exactly Where You Are (Lucibel Crater)

4) Boy With A Coin (Iron And Wine)

5) Crystal Frontier (Calexico)

 

… as strawberries in the summertime

Questa canzone oggi mi gira in testa. Mi è scesa addosso stamattina, assieme alla pioggia e ai pensieri pesanti.

Sono i Fleet Foxes. Il loro album eponimo è tra le cose migliori del 2008. E quella qui sotto è White Winter Hymnal.

"… I was following the pack
all swallowed in their coats
with scarves of red tied ’round their throats
to keep their little heads
from fallin’ in the snow
And I turned ’round and there you go
And, Michael, you would fall
and turn the white snow red
as strawberries in the summertime…"