Suonala ancora, Frank!

Forse è stato il sorriso che Richard Gere (francamente lo trovo moooolto più sexy di Sinatra) sfoderava, un po’ di anni fa, nello spot dei Ferrero Rocher con Fly Me to the Moon in sottofondo. Oppure il duetto che Bono fece con Frank nel ’93, in una nuova versione di I’ve Got You Under My Skin. A farmi rispolverare Sinatra, insomma, è stato uno di questi due “avvenimenti cruciali ed emblematici” della storia della musica.

Col passare del tempo, lo ammetto, né Gere, né Bono, né Sinatra sono diventati per me dei miti. Ma quest’ultimo, gusti personali a parte, non si tocca. Gli riconosco il merito di aver lasciato con le sue interpretazioni un’impronta inimitabile e indelebile nella storia della musica.

Domani, 14 maggio, sarà il decimo anniversario della sua scomparsa. E a me viene in mente che tra le mie preferite c’è sicuramente la canzone qui sotto.

“… you go to my head and you linger like a haunting refrain
And I find you spinning ‘round in my brain
Like the bubbles in a glass of champagne
You go to my head like a sip of sparkling Burgundy brew
And I find the very mention of you
Like the kicker in a julep or two…”

7 pensieri su “Suonala ancora, Frank!

  1. ma quale kicker in a julep…sinatra si esprime al meglio quando cantamy way……il vero giulebbe musicale…e io lo so.georgino chi è, michael?? qui si mischia il sacro col profano

  2. You Go to My head è una canzone da brividone serale. Roba che neanche un bacio inatteso dal tuo sogno erotico.
    Bono+Sinatra: I’ve got you under my Skin. Notevolissimo incontro…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *