da cannibale a compositore

Anthony Hopkins ComposerAnthony Hopkins già rientrava nella lista dei miei attori (e diciamo pure anche uomini) preferiti. Con questa mossa poi si è appena guadagnato altri cento punti.

Che avesse una predilezione per la classica, si era capito quando faceva il cannibale. Che addirittura potesse sfoderare doti da compositore, a 75 anni inoltrati, invece è una piacevole sorpresa.

Morale (anticrisi) della favola: non è mai troppo tardi per cambiare mestiere.
O anche, per dirla alla Monti: il posto fisso è monotono.

ON AIR:
Goldberg Variations 23 (Freddy Kempf)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *