where you invest your love, you invest your life

Capita raramente di ascoltare dischi nuovi scritti di cuore e di pancia. Quando cerco carne e poesia, di solito mi rifugio in certezze musicali targate ’60s o ’70s. Ormai so perfettamente dove trovare quelle note sincere e potenti, che non scendono a compromessi.

Ecco perché, quando qualcosa, oggi, riesce a farmi vibrare di nuovo in quel modo, lo vivo come un piccolo miracolo, una di quelle scoperte da condividere col mondo intero.

Stamattina, mentre guidavo verso la redazione, Sigh No More dei Mumford & Sons mi riempiva la macchina di energia e scintille. Avevo i brividi. Roba da pelle d’oca, davvero.

E i brividi ce li ho anche stasera, mentre ascolto quello che per me è il disco migliore dell’anno e, dopo mesi, trovo finalmente il tempo di scriverne. Non c’entra il freddo milanese di questi giorni, quello che fa tremare è la semplicità dei testi incisivi, la trasparenza dei suoni. La debolezza e insieme la forza di queste 12 splendide canzoni folk.

Regalatelo per Natale, questo piccolo fuoco nella neve!  Condividetelo con tutte le persone che amate e che sanno ascoltare davvero.
E fatele tremare un po’ per l’intenso calore che emana.

“… in these bodies we will live, in these bodies we will die. Where you invest your love, you invest your life…”

2 pensieri su “where you invest your love, you invest your life

  1. Pingback: lovlou | something to talk about

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *