La redazione va in trasferta

Stasera torno all’Arena Civica. Oltre a lui e le zanzare, con me ci saranno anche Il peccatore e Caffé scorretto. Tutti riuniti sotto il cielo a-stellato milanese per vedere Paolo Fresu e Uri Caine.

Caffé scorretto già se la mena: "Io ho visto Fresu che voi manco eravate nati…". Mentre Il peccatore, ritardatario per eccellenza, esce dalla redazione dicendo: "Ragazzi, per favore, cercate di essere lì davanti per le 20.30 massimo, altrimenti rischiamo di non trovare posto".

La sottoscritta Fresu e Caine li ha visti qualche anno fa al Blue Note di Milano e non vede l’ora di gustarsi di nuovo i loro meravigliosi duetti. Ciò nonostante, nella sua testa ancora risuona un certo ritornello, che per un bel po’ non si leverà dalla testa…

"… and It’s such a sad old feeling
the fields are soft and green.
And it’s memories that I’m stealing
but you’re innocent when you dream…"

8 pensieri su “La redazione va in trasferta

  1. ..no ma la smetti di infierire, raccontando tutte queste belle cose ???? …vabbè che ti ‘tocca’ per lavoro..però…però…uffola!!!

    Divertitevi!!!

    P:S:Ricordati sempre di me se ti capita il mio Georgino per le mani eh?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *